Menu Chiudi

La Riga strappa alla Vighenzi i 3 punti e il primato nello scontro al vertice

 

La Riga strappa alla Vighenzi i 3 punti e il primato nello scontro al vertice

Il pubblico ha avuto ciò che si aspettava: equilibrio, giocate di qualità, coraggio, spettacolo. Il big match della 5a giornata del girone C del campionato Under 18 Regionale disputato ieri in tarda mattinata a Buffalora tra Mario Rigamonti e Vighenzi non ha tradito le attese e ha regalato quasi 100 minuti di emozioni.

Le due squadre arrivavano al rendez-vous da imbattute e sempre vincenti, ma i gardesani potevano far valere 3 punti di vantaggio (12 contro 9) per via del turno di riposo già scontato dai padroni di casa. La sensazione, fin da subito, è che la posta in palio avesse particolarmente valore, che il discorso primo posto finale possa interessare principalmente proprio le formazioni di mister Orlandi e mister Rosa. I valori tecnici, tattici ed attitudinali visti in campo hanno confermato la tesi.

La Riga si presenta con un 4-3-3 compatto, impermeabile dietro e col giusto mix di geometria e tecnica a centrocampo, la Vighenzi risponde con un 4-2-3-1 disegnato per scatenare la qualità della sua trequarti, ma anche per accompagnare con tanti ragazzi l’azione. Come accade al primo giro di orologio, quando Mulè, terzino sinistro, entra dentro il campo, imbuca sull’esterno opposto per Mignone, attaccando l’area per chiudere il triangolo, ma trovando sulla conclusione un attento Romano. Il portiere granata sarà grande protagonista della prima frazione, soprattutto nel finale di tempo, con due interventi su Ghidinelli, il secondo dei quali straordinario, in uscita bassa. Due parate salva risultato che si rivelano fondamentali per uscire dall’intervallo in vantaggio. Sì perché al 35′ il match si era sbloccato. Merito di Consoli che, lanciato in ripartenza nello spazio dal regista Boventi, è spietato nel far pagare a Mulè un’errata valutazione della traiettoria, imprendibile nell’involarsi verso la porta e letale nel fulminare Zontini con una saetta sotto la traversa.

Entrambe le formazioni continuano a sfidarsi a viso aperto anche nella ripresa, con gli ospiti che diventano se possibile ancora più intraprendenti: ciò presta il fianco a contropiede che potrebbero essere gestiti meglio dai padroni di casa. La partita è aperta, i biancoazzurri premono, ma si fa apprezzare la linea difensiva di mister Orlandi, guidata da un concentratissimo Moreschi, praticamente insuperabile. Proprio il numero 4 avrebbe l’opportunità di fare 2-0, incocciando un corner del solito Boventi, ma spedendo la palla a lato, pur essendo a un metro dalla porta. La gioia è solo rimandata ed è ancora il 35′ il minuto “x”, favorito anche in questo caso da un mezzo infortunio difensivo, un retropassaggio morbido del neoentrato Dragoti: Biase intuisce la chance e la coglie, intercettando la sfera e superando con un piatto preciso l’uscita disperata di Zontini. Sarà però lo stesso Zontini a tenere in vita i suoi, sventando al 41′ un’occasionissima per il 3-0 e trasformandola nel cambio di fronte che riapre l’incontro: Agui mette Gasparini davanti a Romano, che stavolta non può nulla. Gli ultimi minuti sono concitati, piovono palloni nell’area granata, ma Moreschi e soci reggono, potendo infine esultare dopo ben 6 minuti di recupero.
La Rigamonti aggancia così in vetta la Vighenzi, pur avendo una partita in meno.

..

POST PARTITA

Stefano Orlandi, mister dei vincitori, riconosce la buonissima prestazione dei suoi, a cui non manca tuttavia di lanciare frecciatine: “Ho visto molto sacrificio e determinazione nel portare a casa il risultato, anche se nel finale abbiamo subìto una rete perché non abbiamo avuto la lucidità di buttar via la palla, a volte serve anche quello. Tranne che in quella circostanza, stavolta siamo stati sempre molto concentrati, affrontando una grande squadra, ben organizzata, con individualità importanti, questo mi fa piacere ed è il risultato di una prova positiva corale. Dico ‘stavolta’ perché in questa prima parte di stagione non è andata sempre così: nella partita precedente, ad esempio, sul 4-1 a Cellatica abbiamo cominciato a giocare da soli per cercare il gol personale e ci siamo fatti rimontare fino al 4-3. Il calcio è questo, bisogna tenere alta l’attenzione fino a quando l’arbitro fischia. In ogni caso, la mia squadra si merita tutto ciò che sta ottenendo”.

..

Bryan Moreschi, leader difensivo granata ed mvp del match: “Sono contento, giocavamo contro una delle tre squadre più forti del girone, a mio parere, oltre a noi e al Franciacorta, che comunque avevamo battuto con maggior margine, 4-1. I miei punti di forza sono la marcatura e la lettura delle situazioni quando mi stacco, da ‘libero’; devo migliorare col piede mancino: sto giocando centro sinistra, non l’avevo mai fatto, devo perfezionare la tecnica del piede debole anche perché il mister ci chiede di trattare il pallone a partire dal portiere”.

MARIO RIGAMONTI – VIGHENZI 2-1

35′ Consoli (MR), 70′ Biase (MR), 86′ Gasparini (V)

News originale e completa: calciobresciano.it

Data di pubblicazione: Lunedì 01 Novembre 2021

 

Posted in News

Articoli correlati